A livello internazionale, i primi a vedere da vicino il progetto “Smart Road” di Anas  furono i reali svedesi. Era il 18 ottobre 2021 quando la visita di una delegazione, organizzata in collaborazione con l’Ambasciata di Svezia in Italia e Business Sweden, vedeva l’interesse della principessa ereditaria Victoria e del principe consorte Daniel, catalizzarsi proprio sul progetto di Anas. I Reali svedesi, insieme ai vertici Anas, ebbero l’occasione di inaugurare il Centro Smart Road di Anas, appena costruito.

Ad accompagnarli in quell’occasione anche il Ministro del Commercio Estero e degli Affari Nordici, Anna Hallberg, l’ambasciatore Jan Björklund e numerosi esponenti di Business Sweden e di società operanti nel settore dell’automotive.

Da quel momento, l’interesse per la “Smart Road” è cresciuto e i nostri funzionari sono stati invitati in tutto il mondo, anche al Global Forum for Road Safety dell’ONU e al Congresso mondiale della strada di PIARC, a raccontare questa best practices dell’Anas, attirando la curiosità di molti. Le visite delle delegazioni straniere più recenti sono state quelle degli esponenti del governo armeno e dei rappresentanti della società autostradale giapponese NEXCO East.

Il 12 ed il 13 giugno scorso Anas ha ospitato una delegazione formata dal Ministro delle Infrastrutture armeno, dall’Ambasciatrice della Repubblica di Armenia in Italia e dal direttore del Road Department Fund. Scopo della visita, approfondire la conoscenza della Smart Road e accrescere le competenze nell’ambito della sicurezza stradale e delle Gallerie.

L’itinerario individuato ha permesso agli ospiti di analizzare dal vivo le tecniche ed i sistemi gestionali utilizzati da Anas per adeguare al DLGS. 2146/06 la galleria del Tempio di Giove a Terracina, soffermandosi in particolare sulla messa in opera degli impianti di illuminazione, emergenza, antincendio e videosorveglianza.

Il giorno successivo, la delegazione è stata ospitata presso la sala Cda della direzione generale di Anas per la firma di un importante memorandum of understanding con l’AD/DG di Anas, Ing. Aldo Isi, e l’Executive Director del road department fund, Gor Avetisyan, per la cooperazione intergovernativa nel settore delle infrastrutture e della mobilità alla presenza del Ministro dell’Amministrazione Territoriale e delle Infrastrutture della Repubblica di Armenia, Gnel Sanosyan, e della Viceministro Christine Ghalechyan.

Alla delegazione armena ha fatto seguito, il 26 giugno scorso, la visita di una delegazione del Paese del Sol Levante formata da sei ingegneri della società autostradale NEXCO East, responsabile della gestione dell’infrastruttura stradale del nord del Kanto a Hokkaido. Al centro dell’interesse degli ospiti, la Smart Road Anas.

Ad accogliere i visitatori, presso lo Smart Road Center, il Presidente di Anas, Edoardo Valente, il Direttore della Direzione Technology, Innovation & Digital Spoke, Mauro Giancaspro, e Luigi Carrarini, Responsabile dell’unità Centre of Excellence Smart Road Anas “Smart Mobility”. I tecnici Anas responsabili del progetto Smart Road hanno evidenziato i risultati raggiunti da Anas con il programma “Smart Mobility” per la realizzazione delle Smart Road.

L’itinerario, che ha visto dapprima l’incontro alla Control Room Nazionale dello Smart Road Center, per mostrare da vicino i sistemi e le tecnologie utilizzate, le principali attività e le relative modalità operative per il monitoraggio e la gestione degli eventi su tutte le tratte ANAS “Smart Road” si è concluso con la prova con un test in auto per testare il funzionamento della nuova autostrada connessa.

 

di Monica Pinata